HomeLifestyleNewsPolenta, ricetta storia e curiosità di un piatto tipico italiano

Polenta, ricetta storia e curiosità di un piatto tipico italiano

La polenta è un piatto di origini antichissime, già conosciuto dall’uomo delle caverne, dai Babilonesi agli Assiri, dagli Egiziani ai Greci, le testimonianze si riscontrano grazie ai semi rinvenuti nei vari scavi effettuati.

Il termine polenta deriva dal latino puls e in epoca della Roma repubblicana era un cibo talmente comune da dare ai romani il nome di pultiferi, ovvero mangiatori di polenta, come descritto da Seneca: “Pulte, non pane, vixisse longo tempore Romanos manifestum“, ossia: “di polta e non di pane vissero per lungo tempo i romani.”

La polenta anticamente si otteneva grazie a cereali come il farro, la segale, il miglio, il grano saraceno macinati grossolanamente con la pietra e cotti in acqua bollente.

Questi tipi di polenta fanno parte ancora oggi della cucina tradizionale di alcune popolazioni come la polenta di miglio in Burchina Faso, in Burundi si prepara il Kirundi con la farina di manioca, nelle Antille si prepara il Funchi di mais, in Corsica la pulenda realizzata con la farina di castagna, e in Puglia una polenta a base di fave secche con la quale si accompagnano verdure cotte come la cicoria.

polenta fritta

La polenta gialla di mais

La polenta come la conosciamo oggi si deve alla scoperta delle Americhe da parte di Cristoforo Colompo e l’importazione in Europa del mais. le prime coltivazioni di mais si ebbero in Italia nella seconda metà del 1500. Scoperto il mais si diffuse rapidamente in tutta Europa, poi in Africa, Medio Oriente, India e Cina, le prime coltivazioni di mais si ebbero in Italia nella seconda metà del 1500

Il mais da una coltivazione molto redditizia, per quanto richieda grandi quantitativi di azoto, ricavabili in natura dallo stabbio del pollame. Il mais (da cui derivano anche prodotti come il fruttosio) è una delle coltivazioni più diffuse nel mondo ed è anche uno degli ingredienti maggiormente presenti nei prodotti alimentari.

La polenta più diffusa oggi, quella classica gialla, è quella a base di farina bramata di mais, la farina da polenta bianca deriva dalla macinazione della cariosside del mais, varietà maggiormente pregiata, dal sapore più delicato, si usa nel Polesine e nel Triveneto.
La farina da polenta è solitamente macinata a pietra (“bramata”) più o meno finemente a seconda della tradizione della regione di produzione

La ricetta classica della polenta prevede che si versi la farina a pioggia in un paiolo di rame ripieno di acqua bollente salata, in rapporto di 1 a 4. Bisogna mescolare di continuo con un mestolo di legno per circa un’ora. Quando la polenta è cotta, si versa su una tavola di legno e la si condisce con il sugo, va servita a seconda della sua consistenza con un cucchiaio o tagliata a fette. La polenta fredda può essere fritta, o ripassata al forno, o ancora usata come il pane.

Varianti regionali della polenta italiana

Alcune delle più note ricette prevedono delle varianti:

  • La polenta taragna, tipica della Valtellina, viene fatta con farina di mais mista a farina di grano saraceno, con burro e formaggio.
  • La polenta cròpa, tipica della Val d’Aringa è cotta nella panna ed è fatta con farina di grano saraceno, patate schiacciate e formaggio.
  • Nella polenta concia viene aggiunto il formaggio, tipico piatto valdostano.
  • La pult invece è una polentina molle presente è presente nella zona del lago di Como.
  • Nella zona del lago di Ledro in Trentino si usa fare una polenta di patate.
  • Nel centro Italia la polenta è preparata fluida e servita su una tavola rettangolare di legno chiamata spianatora.
  • La frascatula, ricetta tipica lucana (ma anche siciliana e calabrese), si prepara con farina di granturco, una patata e strutto.
  • La polenta di Sardegna, nota anche come purenta, pulenta o farru, polenta di orzo.

I condimenti per la polenta possono essere i più disparati, dalla carne alle seppie, ai fungi, alla verdura, e cambiano da regione a regione. Potete trovare numerosi libri di ricette di polenta per prepararla in centinaia di modi.

Queste sono solo alcune delle decine di varianti che ci sono in Italia.

polenta

Caratteristiche della polenta

La polenta è un alimento completo e che se è abbinato a contorni di tradizione contadina come salsicce, verdura, formaggi si ottengono piatti da buongustai, equilibrati e saporiti.

Questi sono i valori nutrizionali medi corrispondono a 100 grammi di polenta di farina gialla di mais.

  • Calorie 362 kcal
  • Proteine 8,12 g
  • Grassi 3,59 g
  • Carboidrati 76,89
  • Fibre 7,3

Le calorie della polenta come piatto vero e proprio possono ovviamente aumentare in base al condimento che sceglierete.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -
RistorantiFiumicino
ULTIMI ARTICOLI